Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Per fermare
il genocidio

· La Comece sulla risoluzione di Strasburgo ·

Per fermare il genocidio Un «significativo passo avanti nel facilitare l’adozione di misure per fermare il genocidio in atto contro i cristiani, gli yazidi e le altre minoranze etniche e religiose in Medio oriente». Così la Commissione degli episcopati della Comunità europea (Comece), tramite il suo segretario generale, padre Patrick Daly, ha accolto la risoluzione approvata nella mattinata di ieri, giovedì, dal Parlamento europeo «sul massacro sistematico delle minoranze religiose ed etniche da parte del sedicente Stato islamico». Documento che chiama in causa direttamente la Comunità internazionale alla quale vengono chieste azioni immediate di contenimento della violenza fondamentalista. «È ora un imperativo che siano intrapresi passi per perseguire penalmente i criminali e portarli di fronte alla giustizia», ha sottolineato il segretario generale della Comece.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE