Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​Per la Colombia un triste secondo posto

Un agente con i bambini di un villaggio precedentemente controllato dalle Farc (Reuters)

Dopo la Siria, la Colombia soffre le conseguenze della più grande crisi di sfollati e rifugiati al mondo con sei milioni di persone costrette ad abbandonare le loro case a causa di un conflitto che si protrae da oltre mezzo secolo. Secondo l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr), è più che mai urgente trovare una soluzione all’emergenza umanitaria basata sui diritti umani. Per agire concretamente, l’Unhcr è convinta che un eventuale accordo di pace tra il Governo di Juan Manuel Santos con le Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia (Farc) diminuirebbe il numero dei rifugiati, ma avverte le azioni dei gruppi armati non inclusi nel negoziato continueranno a incidere negativamente.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

25 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE