Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La Cina alla conquista dell’Africa

· Xi promette sessanta miliardi di investimenti nel continente ·

Un massiccio piano di investimenti (circa sessanta miliardi di dollari) e la cancellazione del debito per i paesi più poveri. Sono questi i due punti essenziali della strategia con cui Pechino va alla conquista del continente nero, l’Africa, terra ricca di risorse e opportunità, ma anche segnata da povertà, guerre e miseria. Il piano è stato illustrato ieri dal presidente Xi Jinping ai leader africani riuniti a Pechino per il Forum on China-Africa Cooperation, vertice con cadenza triennale mirato a rinsaldare gli interessi del Dragone nel continente.

Il presidente Xi Jinping durante il Forum sulla cooperazione Cina-Africa (Ansa)

Che la Cina sia diventata negli anni il primo partner dell’Africa è un elemento cruciale per capire i nuovi equilibri geopolitici. I sessanta miliardi finanzieranno otto iniziative nei prossimi tre anni, in settori che vanno dalla promozione industriale, alla costruzione di infrastrutture e alle borse di studio per giovani africani nelle migliori università cinesi. Insomma, una strategia di alleanza e di sviluppo globale, legata a doppio filo al grande progetto economico e infrastrutturale della “nuova via della seta”, fiore all’occhiello del presidente Xi.

«Onoreremo in pieno le promesse che abbiamo fatto ai nostri fratelli africani» ha detto Xi nella solennità della Grande sala del popolo davanti a numerosi leader africani, tra i quali i presidenti sudafricano Cyril Ramaphosa ed egiziano Abdel Fattah Al Sisi, il premier etiope Abiy Ahmed e il presidente Ismail Omar Guelleh di Gibuti, il piccolo paese del Corno d’Africa che ospita la prima base navale militare cinese all’estero, di recente anche ampliata. Xi ha parlato della «comunità Cina-Africa segnata da un destino condiviso» e «senza un fine politico collegato». Il presidente ha poi sollecitato «la responsabilità congiunta» e «la cooperazione di mutuo beneficio tra la Cina e l’Africa», dicendosi contrario a «protezionismo e unilateralismo».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE