Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La chiave nelle mani dei poveri

· Papa Francesco apre la porta della carità all’ostello della stazione Termini e alle Ferrovie italiane ricorda la necessità di dare ascolto e assistenza a chi è nel bisogno ·

«I più poveri, gli ammalati, i carcerati, i più peccatori, se si pentono, ci precederanno nel Cielo. Loro hanno la chiave»: lo ha ricordato Papa Francesco durante la messa celebrata nella mensa dell’ostello della Caritas diocesana di Roma, dove si è recato venerdì pomeriggio, 18 dicembre, per aprire la porta santa della carità. E per dare concretezza alle sue parole, il Pontefice si è fatto accompagnare da quattro ospiti della struttura scelti tra i tanti che vivono nei pressi della stazione Termini.

Nel corso di una cerimonia volutamente austera, in cui i protagonisti sono stati proprio gli ultimi, il Pontefice ha varcato l’ingresso della mensa dell’ostello e quindi ha celebrato la messa. All’omelia il vescovo di Roma ha invitato a pregare per la sua diocesi: «Oggi noi preghiamo — ha detto — per tutti gli abitanti di Roma, per tutti, incominciando da me, perché il Signore ci dia la grazia di sentirci scartati; perché noi non abbiamo alcun merito: soltanto lui ci dà la misericordia e la grazia. E per avvicinarci a quella grazia dobbiamo avvicinarci agli scartati, ai poveri, a quelli che hanno più bisogno, perché su questo avvicinarsi tutti noi saremo giudicati». Da qui l’auspicio «che il Signore, aprendo questa porta, dia questa grazia a tutta Roma, ad ogni abitante di Roma, per poter andare avanti in quell’abbraccio della misericordia, dove il padre prende il figlio ferito, ma il ferito è il padre: Dio è ferito d’amore».

La celebrazione ha avuto un’eco significativa l’indomani mattina, sabato 19, quando il Papa ha ricevuto in udienza dirigenti e dipendenti delle Ferrovie dello Stato italiane, che hanno finanziato il rinnovamento e l’ampliamento dell’ostello di via Marsala. Elogiandone le iniziative di solidarietà, Francesco ha parlato anche degli Help Center, «presenti in decine di città italiane. Sono “sportelli-antenna” — ha ricordato — che consentono a chi è in difficoltà di trovare ascolto, soccorso e assistenza». Da qui l’invito «a tenere unito il Paese anche sul piano sociale, contribuendo a evitare che si accentui il divario tra chi è abbiente e chi manca di tutto».

L'omelia del Papa all'ostello della Caritas

Il discorso al personale delle Ferrovie italiane

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

13 dicembre 2018

NOTIZIE CORRELATE