Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La canonizzazione equipollente  della mistica Angela da Foligno

Il 9 ottobre Papa Francesco, in seguito alle numerose suppliche presentate alla Santa Sede da vescovi e superiori francescani, ha proceduto alla canonizzazione equipollente della beata Angela da Foligno (1248-1309). Per tale canonizzazione, secondo la dottrina di Benedetto XIV, si richiedono tre elementi: il possesso antico del culto; la costante e comune attestazione di storici degni di fede sulle virtù o sul martirio; la ininterrotta fama di prodigi. Se si soddisfano queste condizioni — è ancora dottrina di Papa Lambertini — il sommo Pontefice, di sua autorità, può procedere alla canonizzazione equipollente, cioè all’estensione alla chiesa universale della recita dell’ufficio divino e della celebrazione della messa, «senza alcuna sentenza formale definitiva, senza aver premesso alcun processo giuridico, senza aver compiuto le consuete cerimonie» (De servorum Dei betificatione et beatorum canonizatione - La beatificazione dei servi di Dio e la canonizzazione dei beati, vol. 1/2, Città del Vaticano, 2011, 9-10, lib. I, cap. 41, n. 1).

La pratica della canonizzazione equipollente è stata sempre presente nella Chiesa e attuata regolarmente, anche se non frequentemente. Lo stesso Benedetto XIV enumera dodici casi di santi canonizzati in questo modo: Romualdo (1595), Norberto (1621), Bruno (1623), Pietro Nolasco (1655), Raimondo Nonnato (1681), Stefano di Ungheria (1686), Margherita di Scozia (1691), Giovanni di Matha  e Felice di Valois (1694), Gregorio vii (1728), Venceslao di Boemia (1729), Gertrude di Helfta (1738).

Dopo di lui si possono attestare altri casi di canonizzazioni equipollenti. Tra questi, Pier Damiani  e Bonifacio martire (1828); Cirillo e Metodio di Salonicco (1880); Cirillo di Alessandria, Cirillo di Gerusalemme, Giustino martire e Agostino di Canterbury (1882); Giovanni Damasceno e Silvestro abate (1890); Beda il venerabile (1899); Efrem  Siro (1920); Alberto Magno (1931); Margherita di Ungheria (1943); Gregorio Barbarigo (1960); Giovanni d’Avila  e Nicola Tavelić e tre compagni martiri (1970); Marco di Križevci, Stefano Pongrácz e Melchiorre Grodziecki (1995).

L’ultima canonizzazioen equipollente  è stata quella di santa Ildegarda di Bingen, ad opera di Benedetto XVI il 10 maggio 2012.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 luglio 2019

NOTIZIE CORRELATE