Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La Bibbia in romeno

· Una nuova traduzione ·

È stata presentata ufficialmente a Iaşi, in Romania, la prima traduzione integrale della Bibbia dai testi originali in ebraico, aramaico e greco in lingua romena, traduzione fatta dalla Chiesa cattolica romena. Trattandosi di un testo tanto atteso, la presentazione è stata un momento estremamente importante per la vita della Chiesa locale, nonché per l’intera comunità cattolica romena (ci riferiamo ai due riti cattolici presenti a ridosso dei Carpazi, i latini e i bizantini). Sebbene la traduzione sia stata reclamata da molto tempo dai fedeli, fino a oggi non è stato possibile averla per diversi motivi.

Gli iniziatori del progetto — e cioé il vescovo di Iaşi Petru Gherghel e l’arcivescovo di Bucarest Ioan Robu (diocesi che da sempre collaborano tra loro in tutti i campi della vita ecclesiale) — vi avevano già pensato negli anni Ottanta e oggi, dopo varie vicissitudini, l'opera è stata completata secondo criteri metodologici biblico-teologici aggiornati. Quello ultimato è stato veramente un lavoro importante. Se infatti fino a ora esistevano traduzioni in romeno fatte dalla Chiesa ortodossa e dalle comunità protestanti, esse presentavano diversi problemi. In particolare, vi erano sia difficoltà a livello di lettura (parliamo di una lingua romena arcaizzante, dato che si trattava di traduzioni realizzate diversi anni fa) sia difficoltà dovute al fatto che le traduzioni non rispondevano alle esigenze semantiche tipiche della Chiesa cattolica.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

10 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE