Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La benedizione alla città

È stata una tappa breve, appena otto ore, quella di lunedì 21 a Holguín, ma piena di significato, perché qui Papa Francesco ha incontrato un altro pezzo della Chiesa cubana, viva e impegnata nel cammino di evangelizzazione che da settembre dello scorso anno fa riferimento a un nuovo piano pastorale quinquennale lanciato dalla Conferenza episcopale e intitolato Per la strada di Emmaus. E a questa comunità, e attraverso di essa a tutta la Chiesa di Cuba, il Pontefice ha riconosciuto lo sforzo e il sacrificio compiuti per portare Cristo a tutti, anche nei luoghi più remoti.

Nel programmare il viaggio a Cuba il Pontefice aveva chiesto di potersi recare in una diocesi che non fosse stata inserita nei precedenti itinerari papali. La scelta dei vescovi dell’isola è caduta su Holguín, la terza provincia del Paese per numero di abitanti. Situata a sud, non è lontana da Santiago, terza e ultima tappa di Francesco. A unire i due centri la devozione alla Vergine della Carità del Cobre, la cui immagine fu trovata nel 1612 da tre indios che si trovavano su una imbarcazione nelle acque che bagnano la costa.

dal nostro inviato Gaetano Vallini

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

24 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE