Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

L’Is rapisce in Siria
settecento civili

· ​Tra essi cittadini statunitensi ed europei ·

Nuovo orrore in Siria. I jihadisti del sedicente stato islamico (Is) hanno catturato nell’area a est dell’Eufrate «settecento ostaggi» tra cui «cittadini degli Stati Uniti ed europei» e minacciano di ucciderne «dieci al giorno». Ad annunciarlo è il presidente russo, Vladimir Putin, nel corso di un convegno a Sochi. «È una catastrofe e nessuno stranamente dice nulla» ha sottolineato Putin. «Hanno fatto determinate richieste, lanciato degli ultimatum, delle minacce» ha rivelato il leader del Cremlino, precisando che le prime dieci esecuzioni sono avvenute «due giorni fa» nel silenzio generale dei media. Putin ha quindi rinnovato il suo appello alla comunità internazionale a «unire gli sforzi» per debellare la piaga del terrorismo. «Noi — ha sottolineato — abbiamo liberato in questi anni il 95 per cento del territorio siriano e non abbiamo permesso che lo stato venisse disintegrato». Certo, il lavoro non è ancora stato ultimato e a questo proposito Putin ha ammesso che la Turchia, al contrario di quanto promesso nel corso degli ultimi summit, non ha ancora completato la creazione della zona demilitarizzata nella provincia siriana di Idlib sebbene ci stia «lavorando». «Le cose non sono facili, al contrario, è tutto difficile» ha aggiunto Putin ringraziando comunque Ankara per gli sforzi messi in campo, «sforzi che noi vediamo». Sono invece gli Stati Uniti e i loro alleati — ha detto ancora il presidente russo — a non aver fatto abbastanza. «Gli Stati Uniti non hanno chiaramente raggiunto gli obbiettivi» ha affermato. Nel frattempo, le Nazioni Unite hanno inviato ieri trenta camion carichi di aiuti umanitari nella provincia di Idlib, nel nord-ovest della Siria. Lo ha riferito l’agenzia di stampa turca Anadolu, precisando che i camion sono entrati in Siria attraverso il valico turco di Cilvegozu, situato nella provincia meridionale di Hayat. È il primo carico di queste dimensioni ad arrivare nella provincia di Idlib.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE