Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

In Italia più sbarchi che in Grecia

· Mogherini promette fondi ·

L’Unione europea punta a lanciare un piano di investimenti destinati ai Paesi di origine dei migranti, soprattutto africani ma anche asiatici, come Pakistan e Afghanistan. 

Donne attendono di ricevere vestiti  e un ricovero nel campo greco  di Idomeni (Reuters)

Lo assicura l’alto rappresentante per la Politica estera e di sicurezza comune dell’Ue, Federica Mogherini. Mogherini parla di «risorse che si possono mobilitare in un programma congiunto, da unire a investimenti privati e a quelli che può mettere in campo la Banca europea per gli investimenti».

Il progetto si può pensare in parallelo al famoso piano Juncker, che punta a mobilitare 315 miliardi per infrastrutture in cofinanziamento. E, secondo Mogherini, «potrebbe rappresentare un vero punto di svolta per alcuni Paesi sul piano della sicurezza e dell’immigrazione». Ma Mogherini non si sbilancia sulle cifre. Di cifre precise parla, invece, il Commissario per l’allargamento e la politica europea di vicinato, Johannes Hahn, in relazione alla Turchia. Esattamente riferisce di un miliardo di euro da mettere insieme per la fine di luglio. Si tratta di assicurare fondi per i rifugiati siriani su territorio turco. «Fino a 200 milioni di euro sono stati già stanziati, ci sono tanti altri progetti in cantiere». Bruxelles, nell’ambito dell’accordo con Ankara raggiunto a marzo, ha promesso tre miliardi fino al 2017 e potrebbe stanziarne altri 3 dal 2018.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

25 aprile 2019

NOTIZIE CORRELATE