Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Italia e Unione europea cercano
una strategia comune sull’immigrazione

· Nel porto di Reggio Calabria la nave con a bordo 834 migranti tratti in salvo nel Canale di Sicilia ·

Alcuni dei migranti tratti in salvo nel Canale di Sicilia (Ansa)

Non si fermano le operazioni per portare soccorso ai migranti e profughi alla deriva nel Mediterraneo. E sul tema dell’immigrazione l’Unione europea cerca una strategia comune. Il problema ha dimensioni «epocali» e nell’affrontarlo «dobbiamo metterci dalla stessa parte del tavolo» ha sottolineato il presidente della Repubblica italiana, Giorgio Napolitano, incontrando ieri a Roma i vertici della Commissione europea. Il capo dello Stato, in occasione dell’apertura del semestre della presidenza italiana dell’Ue, ha sottolineato che «è essenziale avere la consapevolezza che gli immigrati che sbarcano o tentano di sbarcare in Italia o a Malta non sono un problema dell’Italia o di Malta ma sono un problema dell’Europa». Intanto, è arrivata questa mattina nel porto di Reggio Calabria la nave della Marina militare San Giorgio a bordo della quale si trovano 834 migranti salvati nelle scorse ore nel Canale di Sicilia.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE