Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Iraq nel caos

· ​I seguaci di Moqtada Al Sadr fanno irruzione nella zona verde di Baghdad ·

Tensione altissima in Iraq. Le forze di sicurezza hanno annunciato di aver ripreso il controllo della zona verde (quella dove sono presenti i principali uffici governativi e le ambasciate) nella capitale Baghdad, dopo i violenti scontri con i seguaci di Moqtada Al Sadr. Secondo alcuni media locali, ieri sera i dimostranti hanno iniziato a ritirarsi dall’area. Il bilancio degli scontri parla di almeno quattro morti e di decine di feriti. 

Un gruppo di sostenitori del movimento di Al Sadr, esponente politico e religioso sciita, è infatti riuscito a penetrare nell’area fortificata. Gli uomini della sicurezza irachena hanno quindi fatto ricorso ai gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti. Stando a fonti della stampa locale, i dimostranti sono riusciti a entrare anche all’interno del Parlamento e perfino nell’ufficio del premier. Lo scorso 30 aprile migliaia di sostenitori dell’imam sciita avevano fatto irruzione nel Parlamento, costringendo i deputati a fuggire. I manifestanti chiedevano al capo del Governo di attuare al più presto le riforme. Nello specifico, i seguaci di Al Sadr chiedono una più energica lotta alla corruzione e la nascita di un esecutivo tecnico non agganciato al sistema delle quote etniche e tribali. Al Sadr fondò l’Esercito del Mahdi nel giugno del 2003 per combattere le forze di occupazione in Iraq. Figlio di Mohammed Sadeq, storico leader sciita ucciso nel 1999 a Najaf dagli uomini di Saddam Hussein, Al Sadr — che controlla 25 deputati ed è di origine libanese — sta riuscendo ad accreditarsi come il punto di riferimento del crescente malcontento popolare degli sciiti in Iraq. La decisione di contestare il premier Al Abadi, anch’egli sciita, e di irrompere nel Parlamento segna ora — dicono gli analisti — una frattura profonda all’interno della stessa comunità sciita irachena. Con conseguenze difficili da prevedere. Intanto, le violenze continuano anche in Siria. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

09 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE