Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Io, femminista tardiva
e madre contro
la maternità surrogata

· Lettere ·

Mi chiamo Roberta Trucco e mi definisco una femminista tardiva, anche se rappresento lo stereotipo tipico dell’antifemminista: sono cattolica, sono casalinga, sono sposata e sono madre di 4 figli. Alcuni anni fa ho iniziato a interessarmi di maternità surrogata. Vagando su internet mi imbattei nella petizione #stopsurrogacynow lanciata da Jennifer Lahl in California. Mi bastò la lettura del manifesto e firmai subito. La mia adesione nacque certamente da una motivazione “di pancia”. Noi donne siamo il nostro corpo: Anna Maria van Shurman, filosofa e teologa del 1600, con grande lungimiranza, contrapponeva al “cogito ergo sum” di Cartesio il suo “Sum ergo cogito”.

Oggi, dopo anni di intensi confronti, insieme a molte altre donne abbiamo elaborato sufficienti argomenti a dimostrazione di quanto questa pratica sia disumanizzante e aberrante. Spezzettare la maternità significa ridurre la gestazione a un processo senza anima e senza storia, come se i nostri corpi fossero solo dei tubi attraverso i quali scorre la vita, una vita che non lascia segno; significa inserire il processo complesso e meraviglioso dei nove mesi di relazione feto/madre in un sistema di mercato, in cui il valore di un ovulo o della sperma è equiparato al processo della gravidanza, e dunque significa accettare che il capitale (mercato) entri di imperio nella logica della maternità. La maternità non è negoziabile. La madre, sia che si occuperà del bambino/a una volta fuori dalla pancia, sia che non se ne occuperà affatto; sia che lo abbia desiderato o che non lo abbia desiderato, resterà iscritta per sempre dentro l’identità dell’individuo generato, e questa funzione, con tutto il carico anche drammatico di responsabilità, è per me una funzione sacra, intoccabile. L’autodeterminazione delle donne, in questo caso, non c’entra nulla, noi non possiamo disporre di ciò che è indisponibile, le relazioni non si donano e non si vendono. Non bisogna essere madri per comprendere che questa pratica si presta a diventare la schiavitù del terzo millennio e una forma di tratta mascherata dietro una idea fallace di libertà. Siamo tutte e tutti nati da donna e sappiamo nel profondo quanto quel corpo che ci ha generato sia un ricordo indelebile del nostro essere e parte fondante la nostra identità.

Roberta Trucco, Genova

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

15 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE