Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Intese da precisare

· Tra Bruxelles e Ankara solo un accordo di massima sui profughi ·

Deve essere ancora definita l’intesa con la Turchia, data per certa negli ultimi due giorni dai responsabili istituzionali dell’Unione europea, sul controllo delle frontiere turche dalle quali passa il maggior numero di profughi diretti verso l’Europa. «Non c’è alcun accordo sulla bozza del piano di azione con l’Ue che non è stata ancora discussa dalle parti in un incontro congiunto», si legge in una nota diffusa oggi dal ministero degli Esteri turco, due giorni dopo la missione condotta a Bruxelles dal presidente Recep Tayyip Erdoğan

Una profuga siriana sull’isola greca di Lesbo (Ap)

. Del resto, già ieri la portavoce della Commissione europea, Natasha Bertaud, aveva precisato che il piano «è ancora una bozza e dovrà essere discusso e approvato da entrambe le parti». La nota turca di stamane ricorda a sua volta che Ankara e l’Ue «faranno valutazioni a 360 gradi nel prossimo futuro» e che sono stati creati gruppi di lavoro ad hoc. In ogni caso, queste puntualizzazioni non sembrano mettere in forse l’intesa di principio sul piano d’azione europeo, che da parte della Turchia prevede anche l’impegno ad aprire sei centri di accoglienza per i profughi, con una capacità complessiva di due milioni di persone, finanziati in gran parte con fondi di Bruxelles.A questo si aggiunge un rafforzamento della cooperazione tra la Guardia costiera turca e quella greca nell’Egeo. In merito il primo ministro greco, Alexis Tsipras, ha annunciato l’imminente apertura su isole dell’Egeo di cinque centri di identificazione e registrazione di profughi e migranti, i cosiddetti hotspot. Le decisioni europee sulla questione dei profughi e dei migranti, comunque, incominciano ad avere applicazione. Il commissario europeo per l’Immigrazione, Dimitris Avramopoulos, ha confermato questa mattina che venerdì i primi rifugiati eritrei, una ventina di persone, saranno riallocati dall’Italia alla Svezia. Avramoupolos si recherà per l’occasione a Lampedusa per visitare un hotspot locale.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE