Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Intesa per un’inchiesta imparziale
sulla sciagura in Ucraina

· Obama accusa i separatisti filo-russi per il disastro aereo ·

I membri del gruppo di contatto che comprende Ucraina, Russia e Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa hanno raggiunto un accordo con i separatisti filo-russi per l’attuazione di una zona di sicurezza di venti chilometri nel luogo in cui è precipitato l’aereo con 298 persone a bordo della Malaysia Airlines due giorni fa.

Lo ha annunciato questa mattina il capo dei servizi di sicurezza ucraino precisando che in questo modo l’Ucraina «potrà adempiere al suo compito essenziale identificare i corpi e restituirli alle famiglie». Il Governo ucraino ha però accusato i filo-russi di «cercare di distruggere, con il sostegno della Russia, le prove del loro crimine internazionale». Un compito immane quello che si presenta davanti ai primi ispettori internazionali giunti sul luogo del disastro. Alla scena terribile che si presenta davanti ai loro occhi — una vasta distesa in cui tra i rottami ci sono ancora i corpi delle vittime che si cominciano a decomporre — si aggiunge l’ostilità e la confusione con cui sono stati accolti dagli uomini armati che si trovano nella zona.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 febbraio 2020

NOTIZIE CORRELATE