Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Oltre 1500 feriti
tra i tifosi in piazza San Carlo a Torino

· Inquirenti al lavoro per individuare chi ha provocato il panico durante la finale della Champions League ·

«Potrebbe essere stato un petardo, fatto esplodere forse in modo incosciente, a scatenare il panico» e il caos tra i tifosi della Juventus che sabato sera stavano assistendo alla finale di Champions League dal maxischermo allestito in piazza San Carlo, nel centro di Torino.

Piazza San Carlo subito dopo  la ressa (Epa)

Lo ha affermato all’agenzia Ansa il questore di Torino, Angelo Sanna, che sta coordinando dalla sala operativa della questura le attività necessarie ad accertare quanto accaduto. Una serata che ha lasciato un bilancio pesante, con ben 1527 feriti. Tre — tra cui un bambino, Kelvin, di sette anni — sono tuttora ricoverati in gravi condizioni, ma la calca scatenata dalla psicosi dell’attentato tra le migliaia di persone radunate davanti al maxischermo avrebbe potuto provocare una strage. Proseguiranno anche oggi, intanto, gli accertamenti degli investigatori torinesi sui filmati girati sabato sera in piazza San Carlo. Allo studio degli inquirenti anche le immagini delle telecamere di videosorveglianza della zona. Centinaia di persone hanno risposto all’appello del questore di Torino, Angelo Sanna che, ieri mattina, al termine di un vertice straordinario in prefettura del comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, aveva chiesto «la collaborazione dei cittadini». L’obiettivo è ricostruire la esatta dinamica dei fatti — soprattutto sul lato destro di piazza San Carlo, e individuare eventuali responsabili che hanno contribuito a creare il panico, spargendo la voce di un attentato terroristico. Secondo indiscrezioni, tra i tanti video all’attenzione degli inquirenti — molti girati con i telefonini — vi sarebbe anche quello che mostra un giovane a torso nudo comportarsi in modo anomalo. Il giovane, infatti, è fermo in mezzo al fuggi fuggi generale con uno zainetto nero in spalla e le braccia allargate, mentre la gente in preda al panico gli fa il vuoto intorno.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE