Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Ingredienti per una buona politica

· Come rispondere all’impoverimento ideale e all’inquinamento morale ·

«Perché i credenti, e segnatamente i cattolici italiani, hanno il loro punto di vista da far valere e il loro contributo da dare. È un fatto che nei principi e negli indirizzi costituzionali sanciti sia in termini nazionali sia in termini europei (tra questi ultimi, quelli riassumibili nell’ancoraggio a una “economia sociale di mercato”), si sono calati valori sentiti come autenticamente cristiani». Così scrive Giorgio Napolitano, presidente della Repubblica italiana, nel contributo che pubblichiamo oggi sul nostro quotidiano.

Il testo è contenuto in Praedica verbum, raccolta di scritti in onore del cardinale Gianfranco Ravasi («uomo aperto a ogni dialogo», lo definisce Napolitano) che alcuni amici hanno ideato per il settantesimo compleanno del porporato, nato il 18 ottobre 1942, e che dal 2007 presiede il Pontificio Consiglio della Cultura, e le Commissioni per i Beni culturali della Chiesa e di Archeologia sacra. Appena edito dalla fondazione Ambrosianeum di Milano e introdotto dalle “ragioni di riconoscenza” del suo presidente Marco Garzonio, il libro – che si apre con il testo di Napolitano – è arricchito da “varianti sul tema madre e bambini” costituite da sette tavole fuori testo a colori dell’architetto Santiago Calatrava.

Oltre un discorso che il cardinale Carlo Maria Martini tenne all’Ambrosianeum nel 1995, la miscellanea comprende lettere indirizzate al festeggiato da artisti amici (Pupi Avati, Riccardo Muti, Ermanno Olmi, Arnaldo Pomodoro) e scritti, tra gli altri, di Enzo Bianchi (sulla frase di Ignazio di Antiochia «Mi rifugio nell’evangelo come nella carne di Gesù Cristo»), Ivano Dionigi, Piero Benvenuti, Massimo Cacciari, Bruno Forte, Luc Ferry ( Pour une éthique de la fin de la vie ), Julia Kristeva, Claudio Magris, Jean-Luc Marion ( Du fondement de la distinction entre théologie et philosophie ), Cesare Pasini, Antonio Spadaro e del nostro direttore. Chiude e rende preziosa la Festschrift una bibliografia degli scritti (1972-2012) di Ravasi curata da Bruna Maria Romito.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

13 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE