Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Infanzia
in povertà estrema

· Unicef e Banca mondiale fotografano quasi 400 milioni di bambini senza futuro ·

Circa 385 milioni di bambini nel mondo vivono in condizioni di povertà estrema. È quanto si legge nel rapporto presentato dall’Unicef, il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia, e dalla Banca mondiale. E i minori rappresentano praticamente la metà di una “popolazione” di poveri: in tutto, infatti, circa 767 milioni di persone a livello globale vivono con meno di 1,90 dollari al giorno.

Bambini in un campo profughi somalo (Ap)

Le stime sulla povertà estrema infantile sono basate sui dati, registrati nel 2013, di 89 nazioni che rappresentano l’83 per cento della popolazione dei paesi in via di sviluppo. L’Africa subsahariana registra la più alta percentuale al mondo di bambini in povertà estrema: supera, anche se di poco, il 50 per cento. L’Asia meridionale è al secondo posto con circa il 36 per cento, ma bisogna dire che oltre il 30 per cento dei bambini poveri sono concentrati in India. Inoltre, più di quattro bambini su cinque in povertà estrema vivono in aree rurali. Anthony Lake, direttore generale dell’Unicef, ricorda che «i bambini non solo hanno più probabilità di vivere in condizioni di povertà estrema, ma gli effetti della povertà su di essa sono più dannosi». Lake sottolinea che «è scioccante constatare che metà di tutti i bambini dell’Africa subsahariana e un bambino su cinque nei paesi in via di sviluppo crescano in condizioni di povertà estrema», avvertendo che «non è solo un limite per il loro futuro, ma anche per le loro società». Fra le richieste proposte dall’Unicef e dalla Banca mondiale ai governi c’è quella di rafforzare i sistemi di protezione sociale per i bambini, compresi i programmi di trasferimento di denaro che aiutano direttamente le famiglie povere a pagare cibo, sistemi sanitari, istruzione e altri servizi; dare priorità agli investimenti su istruzione, salute, acqua pulita.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

26 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE