Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Poco efficace
la lotta allo spreco alimentare

· Circa 88 milioni di tonnellate di cibo finiscono nella spazzatura ·

Le iniziative contro lo spreco alimentare nell’Unione europea sono frammentate e intermittenti e la commissione non svolge pienamente il suo ruolo di coordinamento. Lo afferma in un rapporto la corte dei conti europea. Secondo i giudici, nonostante il tema sia discusso da anni nelle istituzioni europee e non solo, l’assenza di una definizione comune di "spreco alimentare" e di parametri condivisi per misurarlo, così come la presenza di barriere amministrative che limitano le possibilità di donazione, ostacolano un’azione coerente e chiara contro lo spreco di cibo a livello Ue. E le politiche che dovrebbero interessarsene, come quelle agricole, della pesca e dell’ambiente, continua la relazione, non agiscono in modo coordinato.

La corte dei conti europea rileva che va perso, o sprecato, un terzo degli alimenti. In cifre, in media ogni anno circa 88 milioni di tonnellate di alimenti finiscono nel cestino, e si stima che lo spreco alimentare complessivo nell’Ue salirà a circa 126 milioni di tonnellate entro il 2020, a meno che vengano prese ulteriori azioni o misure preventive. «La commissione Ue — si legge nel documento — dovrebbe quindi riflettere su come utilizzare le politiche esistenti per meglio lottare contro lo spreco alimentare»

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE