Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Incontro fra Trump e Putin

· ​Al vertice dell’Apec dichiarazione comune sulla Siria ·

Dopo mesi di aspre tensioni e con l’inchiesta Russiagate che ogni giorno conosce nuovi imprevisti sviluppi, Mosca e Washington tornano a confrontarsi sul terreno politico. Il presidente statunitense, Donald Trump, e il presidente russo, Vladimir Putin, si sono incontrati ieri al vertice dell’Apec (Asia-Pacific Economic Cooperation) nella città di Da Nang, in Vietnam. L’incontro è stato breve ed è avvenuto a margine dei lavori del summit. In precedenza, era stato cancellato un vertice più approfondito.
I due leader — fanno sapere i media — hanno concentrato la loro attenzione sulle principali crisi dello scenario internazionale: dalla lotta al terrorismo jihadista alla crisi in Siria, dalle minacce nordcoreane all’economia.
Attenzione particolare è stata data al conflitto siriano, oggetto di una dichiarazione congiunta. Washinghton e Mosca sono favorevoli a una soluzione politica che rispetti la sovranità, l’indipendenza e l’integrità territoriale del paese. E confermano l’importanza delle zone di de-escalation come misura provvisoria per ridurre la violenza e per favorire una soluzione della crisi. Tutte le parti coinvolte nel conflitto sono state quindi invitate «ad aderire al processo di pace di Ginevra» sotto il controllo dell’Onu.
Trump e Putin si sono anche detti d’accordo nel continuare gli sforzi congiunti nella lotta contro il sedicente stato islamico (Is) fino alla sua sconfitta, e nell’incrementare gli aiuti umanitari, per i quali hanno chiesto a tutti i paesi membri Onu maggiori sforzi.
La Siria, tuttavia, non è stato l’unico argomento affrontato dai due leader. È stato anche lanciato un forte appello all’intensificazione della lotta al terrorismo islamico in tutto il mondo, attraverso un rafforzamento dei canali di comunicazione tra Russia e Stati Uniti. Stando a fonti di stampa, i due presidenti avrebbero inoltre scambiato diverse opinioni sulle principali questioni del commercio internazionale. Dopo l’intervento all’Apec, Trump ha preso parte ieri a una commemorazione dei soldati deceduti durante la guerra nel Vietnam. Il presidente americano ha promesso di riportare negli Stati Uniti i corpi degli oltre mille soldati statunitensi uccisi durante la guerra e non ancora rimpatriati.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

13 dicembre 2017

NOTIZIE CORRELATE