Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Incompresa

· Cristina De Stefano scrive la biografia di Oriana Fallaci ·

 «Quando ha incontrato Benedetto XVI a Castel Gandolfo, in forma strettamente privata, era già gravemente ammalata – scrive Lucetta Scaraffia nella recensione a Oriana. Una donna (Milano, Rizzoli, 2013, pagine 318, euro 19) di Cristina De Stefano – e non più in grado di fargli una delle sue famose interviste che richiedevano mesi di studio prima e molto lavoro dopo.

Era una perfezionista, Oriana Fallaci, e aveva per il suo lavoro una devozione quasi maniacale. Ha incontrato il Papa in un momento drammatico della sua vita, non solo per la devastazione della malattia, ma anche per le violente polemiche che avevano investito i suoi brevi saggi di commento all’attentato dell’11 settembre 2001. Ancora una volta in Italia il suo pensiero non era stato ben compreso, la sua posizione era stata appiattita su quella dei partiti di destra ai quali lei, che aveva fatto da giovanissima la partigiana delle brigate di Giustizia e Libertà, non si era mai sentita di appartenere».

«La biografia bella e intensa di De Stefano – prosegue Scaraffia – ne ricompone un ritratto affettuoso che non nega gli aspetti ostici di un carattere difficile», anche perché «la posizione di Oriana Fallaci è sempre scomoda, non si fa assimilare a nessun partito, a nessun gruppo di opinione, ma stupisce tutti con la sua libera originalità».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE