Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Incerta la soluzione
della crisi politica in Italia

· ​Cottarelli attende sviluppi prima di sciogliere la riserva ·

  Lo spread apre a 270 punti, in calo rispetto a ieri, e le borse sembrano riprendere fiato. Ma la crisi italiana è tutt’altro che risolta e lo scenario appare sempre più confuso, con la Lega che chiude a una soluzione politica di compromesso. Il presidente del consiglio incaricato, Carlo Cottarelli, si è nuovamente recato questa mattina al Colle per un colloquio definito informale. Solo ieri pomeriggio l’ex commissario alla revisione della spesa aveva visto il presidente Mattarella senza sciogliere la riserva: un rallentamento che inizialmente aveva fatto ipotizzare a una rinuncia all’incarico, poi smentita dal Quirinale e successivamente dallo stesso Cottarelli.

Ma la novità della giornata era stata l’apertura manifestata dal capo politico del Movimento cinque stelle (M5s), Luigi Di Maio, che durante un comizio tenuto a Napoli aveva annunciato a sorpresa la disponibilità a fare ripartire il governo con la Lega (detto giallo-verde) e a collaborare con il Quirinale per risolvere la crisi, accantonando la minaccia della messa in stato di accusa di Sergio Mattarella. «Siamo pronti — aveva dichiarato il leader politico — a rivedere la nostra posizione; se abbiamo sbagliato qualcosa lo diciamo, ma ora si rispetti la volontà del popolo: una maggioranza c’è in parlamento, fatelo partire quel governo». A quel punto sembrava nuovamente riprendere quota l’ipotesi di un governo tra Lega e M5s, con Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia disponibile a rafforzare la maggioranza. E sembravano anche allontanarsi le elezioni, dopo che, nel pomeriggio, la maggioranza delle formazioni politiche, Partito democratico compreso, si erano espresse per un voto in piena estate, e non dopo agosto come aveva invece prospettato Cottarelli accettando l’incarico. Lo stesso Cottarelli ha fatto diffondere questa mattina una nota in cui si chiarisce che «durante l’attività del presidente del consiglio incaricato per la formazione del nuovo governo sono emerse nuove possibilità per la nascita di un governo politico. Questa circostanza, anche di fronte alle tensioni sui mercati, lo ha indotto, d’intesa con il presidente della repubblica, ad attendere gli eventuali sviluppi».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

17 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE