Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Incendiata
una chiesa in Pakistan

· In aumento gli attacchi contro i cristiani nel paese ·

Chiesa evangelica incendiata a Shahdara, nei pressi di Lahore

Nella città pachistana di Shahdara, nei pressi di Lahore, una chiesa è stata data alle fiamme. Gli inquirenti hanno appurato ieri che l’incendio divampato domenica scorsa è stato doloso. Nel luogo di culto, appartenente alla comunità cristiana evangelica nota come The Gospel of Jesus Mission, è stata lanciata una «bomba molotov artigianale», fatta di tessuti impregnati di carburante. In pochi minuti l’incendio si è propagato bruciando l’interno dell’edificio. «Non abbiamo ricevuto alcuna minaccia e non siamo in conflitto con nessuno. Quest’atto criminale è scioccante per tutti noi. Tutto si è incenerito velocemente: stuoie, tappeti, sedie, arredi, croci, la Bibbia, i testi degli inni, i libri di catechismo» ha detto il pastore della comunità, Yousuf Aziz.

L’arcivescovo di Karachi Joseph Coutts ha condannato «quest’atto criminale» e, ricordando anche la recente aggressione ai cristiani di Quetta, si è detto preoccupato per le condizioni di sicurezza delle comunità cristiane in Pakistan. La Commissione nazionale Giustizia e pace, in seno alla Conferenza episcopale, ha organizzato ieri una manifestazione di protesta in tutto il paese per esprimere solidarietà con i cristiani di Quetta e di Lahore e per sensibilizzare le istituzioni politiche e giudiziarie sulla questione. La chiesa doveva ancora essere completata ma era già agibile e regolarmente utilizzata per il culto, aperta ogni domenica al mattino per la messa, al pomeriggio per il catechismo e alla sera per gli incontri dei giovani. L’attentato è avvenuto circa mezz’ora prima della lezione di catechismo. L’area è delimitata da una cinta muraria e non è facile entrarvi. La comunità cristiana è regolarmente iscritta presso il registro governativo del Pakistan ed è presente nella città da quasi quattro anni, servendo circa 300 famiglie. «Abbiamo iniziato le indagini, ma non vi sono testimoni oculari», ha sottolineato la polizia.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE