Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Inaccettabile fare marcia indietro

· Messaggio del patriarca Bartolomeo per la Cop 23 ·

La ventitreesima sessione della Conferenza delle parti sul cambiamento climatico delle Nazioni Unite offre l’opportunità per ricordare e riflettere con rigore sullo stato del nostro pianeta, e anche, come comunità globale, sul punto di arrivo e sulla direzione intrapresa, specialmente alla luce dell’appello urgente dell’Accordo di Parigi. Lo scorso novembre, nel nostro messaggio al Cop22 abbiamo detto: «Riteniamo le nazioni responsabili delle risoluzioni raggiunte o delle violazioni compiute, specialmente conoscendo l’intimo legame tra il cambiamento climatico e la povertà globale, la migrazione e l’instabilità».

A giugno, prima del vertice del g20 ad Amburgo, abbiamo sottoscritto una lettera ispirata da Mission 2020, «esortando le nazioni a mettere in evidenza l’importanza del punto di svolta climatico del 2020 relativo alle emissioni di gas serra».

Il 1° settembre, data in cui il patriarcato ecumenico per primo ha avviato — nel lontano 1989 — una richiesta di preghiere per proteggere il creato di Dio dall’avidità umana, abbiamo presentato, insieme a Papa Francesco, una dichiarazione che afferma che non ci può essere «una soluzione genuina e duratura alla sfida della crisi ecologica e dei cambiamenti climatici senza una risposta concertata e collettiva».

Quest’anno, la nostra lettera pastorale annuale ai fedeli ortodossi in tutto il mondo ha espresso la «nostra costernazione perché, mentre è evidente che la crisi ecologica continua ad aggravarsi nel nome della crescita e dello sviluppo, l’umanità continua a rimanere sorda agli appelli globali per un cambiamento radicale nei nostri atteggiamenti verso il creato». E il mese scorso, all’Assemblea del Circolo polare artico a Reykjavík, abbiamo assicurato ai capi di stato, agli studiosi e ai rappresentanti indigeni che «oggi, sempre più persone riconoscono che la coscienza religiosa e la scienza ambientale si preoccupano similmente di questioni ultime, vale a dire del modo in cui stiamo modellando il destino dell’umanità, il pianeta e l’intero creato». Tuttavia, anche se in molti riconoscono il cambiamento climatico come la crisi forse più grande affrontata dall’umanità, c’è una forte resistenza a qualsiasi appello al cambiamento. Alcuni continuano a ignorare i segni dei nostri tempi, con uno scioglimento dei ghiacci senza precedenti, modelli climatici estremi e un impatto devastante sulla povertà nel mondo.

Nell’ultimo anno, il patriarcato ecumenico ha accresciuto il proprio coinvolgimento e la propria influenza in ambito religioso, scientifico e politico. Pertanto, esortiamo umilmente tutti voi — specialmente tutte le comunità di fede e i leader, che possono fare una grandissima differenza nel convincere i governi e le aziende — a non cedere mai alla compiacenza, e ad amplificare e intensificare sempre i vostri sforzi.

È inaccettabile fare marcia indietro in qualsiasi modo. Inoltre, è ingiustificabile anche continuare a segnare il passo.

Siamo tutti chiamati ad andare avanti nel nostro impegno verso la sacralità dei «più piccoli tra i nostri fratelli e sorelle», come anche verso l’unicità del più piccolo granello di sabbia di questo pianeta che chiamiamo casa.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE