Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

In Vietnam un rappresentante non residente della Santa Sede

· Decisione del gruppo congiunto di lavoro riunito in Vaticano ·

Come concordato nel primo incontro del Gruppo congiunto di lavoro Vietnam – Santa Sede, svoltosi ad Hanoi nel febbraio 2009, il secondo incontro del medesimo Gruppo ha avuto luogo in Vaticano, dal 23 al 24 giugno scorsi. È stato presieduto congiuntamente da monsignor Ettore Balestrero, sotto-segretario per i Rapporti con gli Stati, capo della delegazione della Santa Sede, e dal signor Nguyen Quoc Cuong, vice-ministro degli Affari esteri, capo della delegazione del Vietnam.

Presa visione dei progressi compiuti dal primo incontro, le due delegazioni hanno affrontato temi internazionali e temi legati alle relazioni bilaterali e alla Chiesa cattolica in Vietnam. La delegazione vietnamita ha ricordato le linee costanti della politica dello Stato di rispetto della libertà di religione e di credo, come pure le misure legali di garanzia della sua attuazione. La delegazione della Santa Sede ha preso nota di questa spiegazione e ha chiesto che vengano assicurate ulteriori condizioni che consentano alla Chiesa di partecipare con maggiore efficacia allo sviluppo del Paese, specialmente in ambito spirituale, educativo, sanitario, sociale e caritativo. La delegazione della Santa Sede ha inoltre ricordato che la Chiesa nei suoi insegnamenti invita i fedeli a essere buoni cittadini e quindi a impegnarsi per il bene comune della popolazione.

Le due delegazioni hanno registrato sviluppi incoraggianti in varie aree della vita cattolica in Vietnam, specialmente in relazione all'Anno giubilare. Inoltre, hanno ricordato il discorso di Benedetto XVI in occasione dell'ultima visita ad limina dei vescovi vietnamiti e il messaggio del Papa alla Chiesa cattolica in Vietnam in occasione dell'Anno giubilare, e si sono detti d'accordo che questi insegnamenti del Pontefice serviranno come orientamento per la Chiesa cattolica in Vietnam negli anni a venire.

Quanto alle relazioni bilaterali le due delegazioni hanno apprezzato gli sviluppi positivi avvenuti dal primo incontro del Gruppo congiunto di lavoro, specialmente l'udienza di Benedetto XVI al presidente del Vietnam, Nguyen Minh Triet, nel dicembre 2009. Le due delegazioni hanno avuto anche un profondo e ampio confronto sulle relazioni diplomatiche bilaterali. Al fine di approfondire le relazioni tra la Santa Sede e il Vietnam, come pure i legami tra la Santa Sede e la Chiesa cattolica locale, è stata convenuta, come primo passo, la nomina da parte del Papa di un rappresentante non residente della Santa Sede presso il Vietnam.

Le due delegazioni hanno deciso di avere un terzo incontro del Gruppo congiunto di lavoro in Vietnam, la cui data sarà concordata seguendo i canali diplomatici.

In occasione dell'incontro del 23 e 24 giugno, la delegazione del Vietnam ha compiuto una visita di cortesia all'arcivescovo Mamberti, segretario per i Rapporti con gli Stati, al prefetto della Congregazione per l'Evangelizzazione dei Popoli e al vicariato della diocesi di Roma. La delegazione ha anche fatto visita all'Ospedale pediatrico della Santa Sede, Bambino Gesù, in Roma.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 giugno 2019

NOTIZIE CORRELATE