Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

In India uno strano censimento

· Tra i cristiani in Madhya Pradesh timori che si tratti di una schedatura ·

Un censimento condotto nello Stato del Madhya Pradesh, in India sta suscitando preoccupazione tra i cristiani. Da alcuni giorni — riferisce l’agenzia Fides — è infatti in corso da parte della polizia locale una verifica sulla presenza numerica e le attività economiche della comunità, che è definita come un provvedimento «discriminatorio». Nel marzo scorso, in India, sono peraltro stati pubblicati i dati sul censimento nazionale e, pertanto, l’iniziativa in Madhya Pradesh è ritenuta anche «inspiegabile e sospetta». In pratica, ai funzionari di polizia è stato chiesto di raccogliere informazioni, in particolare, sulle attività economiche e finanziarie svolte dai cristiani e sulle loro proprietà immobiliari.

Secondo le fonti locali, i leader cristiani sono stati sottoposti a interrogatori, senza alcuna giustificazione, per fornire dati e dettagli sull’estensione e le proprietà della comunità: questo, si sottolinea, «è totalmente inaccettabile e viola le garanzie costituzionali». Il portavoce della Conferenza episcopale in India, padre Joseph Babu Karakombil, ha affermato che c’è preoccupazione perché «non sappiamo le ragioni e le conseguenze che potrebbe avere il provvedimento». A tale riguardo, padre Karakombil ha osservato che «una simile iniziativa venne presa nel Gujarat nel 1998 e si è verificata anche in altre occasioni e che furono atti che prepararono una massiccia offensiva degli estremisti indù contro i cristiani». Il portavoce dei vescovi ha aggiunto che in Madhya Pradesh «è al governo il Baratiya Janata Party (Bjp) che continua a perseguire un’agenda nazionalista e a sostenere i gruppi fondamentalisti». La comunità cattolica ha chiesto al Governo locale e a quello federale di fermare il censimento.

Intanto, in vista della Pasqua, cresce il timore per nuovi possibili attacchi ai cristiani: «Temiamo — ha sottolineato il portavoce dei vescovi — che negli Stati indiani dove il Bjp è al potere possano verificarsi incidenti anticristiani. I gruppi fondamentalisti sono molto forti e ricevono finanziamenti da Paesi stranieri per perseguire i propri scopi». Un attacco a una comunità cristiana è avvenuto recentemente anche nella città di Delhi.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 febbraio 2020

NOTIZIE CORRELATE