Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

In Cambogia un’altra tragedia del lavoro

· Allarme sugli standard di sicurezza delle aziende asiatiche ·

Almeno sei operai sono morti oggi nel crollo del tetto di una fabbrica di scarpe in Cambogia. L’incidente — che rilancia l’allarme sugli standard di sicurezza delle aziende asiatiche produttrici di abbigliamento a buon mercato — è avvenuto nella città di Maha Russei, nella provincia del Kampomg Speu, a sud di Phnom Penh. Secondo la polizia, a crollare, sarebbe stato un balcone, che ha provocato poi il cedimento del tetto. Al momento del crollo, erano al lavoro un centinaio di operai. L’incidente nella fabbrica, che produce scarpe sportive per una casa giapponese, è avvenuta alcune settimane dopo la tragedia in Bangladesh, dove almeno 1.130 operai sono rimasti uccisi nel crollo di un palazzo di otto piani che ospitava diverse fabbriche tessili. Anche il crollo odierno, come quello del Bangladesh, sarebbe stato provocato dal peso eccessivo dei macchinari e dalla mancanza delle più elementari misure di sicurezza.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

06 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE