Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Impegno comune

· Udienza del Pontefice al presidente Obama ·

Nella mattina di giovedì 27, il presidente degli Stati Uniti d’America, Barack H. Obama, è stato ricevuto in udienza dal Santo Padre Francesco e, successivamente, si è incontrato con il cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato, accompagnato dall’arcivescovo Dominique Mamberti, segretario per i Rapporti con gli Stati. I cordiali colloqui hanno permesso uno scambio di vedute su alcuni temi attinenti all’attualità internazionale, auspicando per le aree di conflitto il rispetto del diritto umanitario e del diritto internazionale e una soluzione negoziale tra le parti coinvolte. Nel contesto delle relazioni bilaterali e della collaborazione tra la Chiesa e lo Stato ci si è soffermati su questioni di speciale rilevanza per la Chiesa nel Paese, come l’esercizio dei diritti alla libertà religiosa, alla vita e all’obiezione di coscienza nonché il tema della riforma migratoria. Infine, è stato espresso il comune impegno nello sradicamento della tratta degli esseri umani nel mondo.

Accompagnato dal suo seguito, il presidente Obama era stato accolto nel cortile di San Damaso, dal prefetto della Casa Pontificia, l’arcivescovo Gänswein. Quindi Papa Francesco gli ha dato il benvenuto nella sala del Tronetto del Palazzo Apostolico. Poi, alla presenza di due interpreti, avuto inizio il colloquio privato nella Biblioteca. Quando, dopo 50 minuti, le porte si sono riaperte, sono stati presentati al Santo Padre i membri della delegazione statunitense, guidata dal segretario di Stato John Kerry.

Infine ha avuto luogo il tradizionale scambio di doni. Il presidente Obama ha offerto semi di piante provenienti dai giardini della Casa Bianca, destinati Ville Pontificie di Castel Gandolfo per celebrarne l’apertura al pubblico. Erano contenuti in un’elegante cassa blu, realizzata con legno della basilica santuario dell’Assunzione, la cui pietra d’angolo fu posta dal gesuita John Carroll, primo vescovo cattolico del Paese. Il Pontefice ha donato una copia dell’Evangelii Gaudium, un medaglione riproducente il progetto originale del Bernini per il colonnato di San Pietro, e la fusione in bronzo, del maestro Veroi, intitolata «Solidarietà e pace».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 luglio 2019

NOTIZIE CORRELATE