Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Per imparare
gli uni dagli altri

· Dialogo internazionale tra luterani e pentecostali ·

Manila, 8. Si apre una nuova pagina nei rapporti tra luterani e pentecostali. A scriverla sono stati in questi giorni i partecipanti a un incontro svoltosi presso l’Asia Pacific Theological Seminary di Baguio, nelle Filippine. 

Si è trattato della prima fase di un dialogo internazionale che ha come obiettivo quello di una migliore comprensione delle rispettive tradizioni teologiche e spirituali, e di favorire una testimonianza comune sia a livello locale che globale. Al centro del dialogo il tema dell’«identità cristiana», alla luce della riflessione teologica sul passo evangelico «Lo Spirito del Signore è sopra di me, perciò mi ha unto per evangelizzare i poveri; mi ha mandato per annunciare la liberazione ai prigionieri e il ricupero della vista ai ciechi; per rimettere in libertà gli oppressi, per proclamare l’anno di grazia del Signore» (Luca, 4, 18-19).

I partecipanti al dialogo — rappresentanti pentecostali e delle comunità membro della Federazione luterana mondiale — hanno discusso i documenti di studio in sessioni plenarie e piccoli gruppi, nel tentativo di comprendere meglio i punti in comune e le differenze. Un lavoro che costituisce la prima tappa di un itinerario quinquennale. La prossima riunione del dialogo è già stata fissata per il settembre 2017 a Wittenberg, Germania, dove il tema sarà: «Egli mi ha unto per proclamare» (Luca, 4, 18). Le discussioni del 2018 si terranno in America latina e si concentreranno sul tema: «La buona novella ai poveri». L’anno seguente il dialogo si sposterà in Africa e il tema sarà: «Libertà, recupero e liberazione». Nel 2020, poi, secondo quanto riferito da Riforma.it, l’intenzione è quella di produrre un documento comune sull’identità cristiana. «Questo dialogo, che è di grande importanza per molte delle nostre chiese membro, è finalmente una realtà», ha commentato la pastora Kaisamari Hintikka, segretario generale per le relazioni ecumeniche della Federazione luterana mondiale.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE