Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Immane vergogna per l’umanità

· Il Papa denuncia le disparità di accesso all’acqua ·

L’«immane vergogna» della mancanza di accesso all’acqua pulita in tante zone del mondo, è stata di nuovo denunciata con forza da Papa Francesco. In un messaggio ai partecipanti alla conferenza internazionale organizzata sul tema l’8 novembre a Roma dal Dicastero per il servizio dello sviluppo umano integrale, il Pontefice è tornato a parlare dell’emergenza idrica e dell’importanza del «riconoscimento dell’accesso all’acqua potabile come diritto che scaturisce dalla dignità umana, dunque incompatibile con la concezione dell’acqua come una qualsiasi merce».

Sollevando il velo su «la corruzione e gli interessi di un’economia che esclude e che uccide», il Papa evidenzia un’inaccettabile contraddizione: «in molti dei Paesi in cui la popolazione non ha un accesso regolare all’acqua potabile non manca la fornitura di armi e munizioni che continuano a deteriorare la situazione!».

Messaggio del Papa

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 novembre 2018

NOTIZIE CORRELATE