Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Imboscata
contro la polizia

· In Louisiana uccisi tre agenti e altrettanti feriti ·

Gli Stati Uniti ripiombano nell’orrore. Altri tre agenti di polizia sono stati assassinati e altrettanti sono rimasti feriti, uno in modo grave, ieri a Baton Rouge, capitale della Louisiana, dove il 5 luglio scorso l’afroamericano disarmato Alton Sterling venne ucciso dal fuoco di due agenti bianchi.

Veicoli della polizia sul luogo dell’agguato (Reuters)

Il sindaco della città, Kip Holden, ha descritto l’attacco come una vera e propria imboscata. Dunque, un altro drammatico episodio di violenza che ha alimentato nuovamente la tensione in tutti gli Stati Uniti, con la memoria di quanto accaduto nei giorni scorsi a Dallas, ancora fresca, così come la paura. Il presidente, Barack Obama, intervenuto appena appresa la notizia, ha detto che non c’è nessuna giustificazione per le violenze contro le forze dell’ordine e che sarà fatta giustizia. All’inizio si pensava che i killer fossero tre, ma poi le autorità di polizia hanno fatto sapere che l’attacco è stato compiuto da un uomo solo, ucciso dal fuoco di risposta degli agenti.

L’attentatore è stato identificato come Gavin Long, un ex marine (aveva lasciato nel 2010) nero di 29 anni, che nei giorni scorsi si era lamentato su internet per il trattamento degli afroamericani da parte della polizia. Anche il killer dei cinque ufficiali di polizia di Dallas era un ex militare nero. Long, originario di Kansas City, in Missouri, era affiliato ad un gruppo antigovernativo chiamato “New Freedom Group”. Secondo il racconto di alcuni testimoni era vestito di nero, con il volto coperto e imbracciava un fucile d’assalto. L’attacco è avvenuto intorno alle 8.40 del mattino, a poco più di un chilometro dalla centrale della polizia. I colpi sparati sarebbero stati almeno 30, e non hanno lasciato scampo ai tre agenti, uno dei quali era nero. L’agguato ha fatto salire l’allerta fra la polizia in tutti gli Stati Uniti. Il New York Police Department ha rafforzato l’indicazione agli agenti a muoversi in coppia e a fare attenzione a chi si avvicina.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

08 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE