Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

I vescovi uomini di preghiera
di annuncio e di comunione

· Il Papa a un incontro promosso dalla Congregazione per l’evangelizzazione dei popoli ·

E alle monache benedettine chiede di essere icone della Chiesa e della Madonna

Uomo di preghiera, di annuncio e di comunione: ecco il profilo del vescovo secondo Papa Francesco, che nella mattina di sabato 8 settembre ha ricevuto in udienza nella Sala Clementina i presuli partecipanti al seminario promosso dalla Congregazione per l’Evangelizzazione dei popoli. All’incontro, che si tiene fino a sabato 15 a Roma, presso il Pontificio collegio missionario internazionale San Paolo Apostolo, partecipano 74 vescovi provenienti da 34 nazioni di quattro continenti: 17 dell’Africa, 8 dell’Asia, 6 dell’Oceania e 3 dell’America latina.

Nel suo discorso il Pontefice ha sottolineato, tra l’altro, la necessità della preghiera, che costituisce un «indispensabile ministero di intercessione», e ha ricordato che «il Vangelo non si annuncia da seduti, ma in cammino»: il pastore, infatti, «non vive in ufficio, come un amministratore di azienda, ma tra la gente, sulle strade del mondo, come Gesù». Francesco ha anche messo in guardia da quanti non lavorano per «cementare la comunione» ma preferiscono fare i «solisti fuori dal coro» o i «condottieri di battaglie personali». Il vescovo, al contrario, «non fa notizia sui giornali, non cerca il consenso del mondo, non è interessato a tutelare il suo buon nome, ma ama tessere la comunione coinvolgendosi in prima persona e agendo con fare dimesso». Dal Papa, infine, un nuovo appello a fuggire «il clericalismo», che favorisce «comportamenti di abuso di potere, di coscienza e sessuale».

In precedenza Francesco aveva ricevuto in udienza le partecipanti a un simposio dell’Unione internazionale delle benedettine, esortandole a essere «sorelle nella fede» per «quanti soffrono ingiustizie, guerre e violenze», e a vivere come «icone della Chiesa e della Madonna». E alla Madre di Dio, nel giorno in cui la Chiesa celebra la festa della natività della beata Vergine Maria, il Pontefice ha dedicato anche il tweet postato in tarda mattinata sul suo account @Pontifex: «La Vergine Maria ci aiuti ad abbandonarci con gioia al disegno di Dio sulla nostra vita».

Il discorso del Papa ai vescovi

Il discorso del Papa all’Unione internazionale delle benedettine

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 aprile 2019

NOTIZIE CORRELATE