Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Il Vangelo
secondo Delhez

· L’edizione del Nuovo Testamento più amata da Papa Bergoglio ·

Un Gesù senza aureola, con il volto segnato dal dolore o attraversato da una vasta gamma di sentimenti diversi ma sempre concentrato e vibrante, che si muove sullo sfondo di paesaggi ispirati a luoghi realmente esistenti in Bolivia e in Argentina.

 Il Vangelo più amato dal giovane sacerdote Jorge Mario Bergoglio è illustrato dal genio visionario di Víctor Delhez, maestro nella difficile arte della xilografia. Un libro mai dimenticato negli anni, molto amato dall’attuale Papa; non a caso l’immagine della Resurrezione è stata scelta da Bergoglio per gli auguri della Pasqua 2014. «Le scene che mostrano i passi del Vangelo — scriveva nel 1944 il sacerdote e filosofo argentino Juan Ramón Sepich Lange introducendo il libro Los Cuatro Evangelios De Nuestro Señor Jesucristo edito da Guillermo Kraft nella Buenos Aires degli anni Cinquanta — hanno una loro interna vitalità. La parola di Cristo non è lettera morta, ma parola di vita, germoglio della Parola, che è il Verbo». Oltre alle intense e drammatiche xilografie di Delhez, il libro contiene anche un messaggio autografo di Eugenio Pacelli in cui Pio xii benedice i futuri lettori del testo.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE