Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​Il vangelo di Giovanni
su eBay

Per soli novantanove dollari era in vendita su eBay: bisognava dunque agire per tempo prima che un antico frammento di papiro, che si pensa appartenente al vangelo di Giovanni, facesse perdere le proprie tracce finendo in una collezione privata. 

Il frammento di papiro datato tra il 250 e il 350 dell’era cristiana

È stato Geoffrey Smith, studioso del cristianesimo dei primi secoli all’università del Texas, a fare la scoperta e a operare tempestivamente per evitare il peggio: ha subito contattato il venditore persuadendolo a fermare l’asta così da poter studiare, insieme ad altri colleghi, il prezioso frammento. Nell’articolo di Jennifer Schuessler sull’«International New York Times» del 23 novembre, si riferisce che Smith ha datato il frustulo tra il 250 e il 350 dell’era cristiana: contiene sei righe del vangelo di Giovanni sul recto e un testo cristiano non identificato sul verso. Il frammento, custodito nel vetro, era caduto accidentalmente — così l’articolo con un accenno un po’ troppo romanzesco — da una pila di lettere, aveva annotato il venditore nel redigere la lista degli articoli da mettere all’asta su eBay. Gli studiosi sottolineano che l’importanza della scoperta risiede nel fatto che il frammento in questione sembra derivare da un rotolo di pergamena e non da un manoscritto: infatti, come rileva un altro studioso, Larry Hurtado, i primi secoli del cristianesimo si configurano come una «religione libresca», nel senso che mostra una «maniacale cura» per i testi, prediligendo i codici. Secondo Hurtado, il 97 per cento dei testi biblici dei primi tre secoli del cristianesimo provengono da codici. Il frammento ora venuto alla luce, sul recto di rotolo di papiro, sembra dunque «infrangere questo schema».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE