Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Il valore dell’accoglienza

· Sono a Roma i 33 profughi arrivati con il corridoio umanitario da Lesbo ·

«Mi rivolgo ai cardinali, ai vescovi, ai presbiteri, ai religiosi: apriamo, a cominciare da me, le nostre canoniche, i conventi, i monasteri per ospitare ognuno almeno una famiglia dei campi profughi di Lesbo. Le risorse ci sono». È questo l’appello lanciato in conferenza stampa dall’elemosiniere del Papa, il cardinale Konrad Krajewski, che ha accompagnato i 33 profughi arrivati oggi a Fiumicino dall’isola greca di Lesbo. L’operazione è stata possibile grazie a un corridoio umanitario organizzato dalla Comunità di Sant’Egidio in accordo con i governi italiano e greco.

Papa Francesco «è colui che crea ponti e oggi abbiamo lanciato questo ponte che si chiama corridoio umanitario. Una cosa totalmente evangelica» ha sottolineato il cardinale Krajewski. «Oggi — ha ricordato — in tutto il mondo viene letto il brano della moltiplicazione dei pani e dei pesci. Con la gente di buona volontà possiamo moltiplicare i corridoi. Questo è il miracolo, perché Gesù aveva compassione». A maggio scorso c’erano 7000 persone nei campi; oggi ce ne sono oltre 15.000, tra cui 800 bambini non accompagnati. «La loro speranza si ferma in Grecia», ha aggiunto l’elemosiniere, rimarcando che «l’avvento è il tempo che dice: svegliatevi!. Anche questo primo corridoio in Europa vuol dire a tutti noi: svegliatevi!». I profughi sono stati accolti dal fondatore della Comunità di Sant’Egidio, Andrea Riccardi, che li ha definiti «ospiti come in famiglia e come in casa». I profughi giunti a Fiumicino sono di varia nazionalità: giovani e famiglie con minori ed anziani dell’Afghanistan, donne del Camerun e del Togo. Hanno vissuto molti mesi nel campo di Moria in condizioni precarie. «I corridoi umanitari sono l’inizio di un processo, che vogliamo sia condiviso da tutti i paesi europei» ha affermato ancora Riccardi.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

26 febbraio 2020

NOTIZIE CORRELATE