Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Il test
della moralità cristiana

· Nell’opzione preferenziale per i poveri ·

I cardinali Lorenzo Baldisseri, segretario generale del Sinodo dei vescovi, e Luis Antonio G. Tagle, arcivescovo di Manila, partecipano nel pomeriggio di martedì 21, a Roma, alla presentazione del libro "Evangelii gaudium: il testo ci interroga" (Roma, Gregoriana & biblical press, 2014, pagine 293, euro 30) che contiene le riflessioni interdisciplinari di un gruppo di docenti della Pontificia Università Gregoriana. Scrive il curatore del volume, Humberto Miguel Yáñez, introducendo l'opera: "La teologia morale preconciliare distingueva, basandosi su un’esegesi parziale del testo di Matteo, 19, 16-22, tra la morale dei laici e la morale dei religiosi: la prima consisteva nell’osservare i comandamenti; la seconda includeva anche i cosiddetti “consigli” evangelici, tra cui c’era la povertà. Una proposta di questo tipo abbassava il livello della moralità dei laici a un’etica minima, e i religiosi vivevano la povertà in un certo senso fuori del mondo, senza un confronto critico, come una faccenda loro. Era una morale dei due piani paralleli."

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

25 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE