Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Il terrorismo è sempre una follia

· Papa Francesco nell’anniversario dell’attentato antiebraico a Buenos Aires ·

«Il terrorismo è una follia. Il terrorismo sa soltanto uccidere, non sa costruire; distrugge»: è quanto afferma Papa Francesco in un videomessaggio per ricordare il ventesimo anniversario dell’attentato contro la sede dell’Asociación Mutual Istraelita Argentina (Amia), avvenuto a Buenos Aires il 18 luglio 1994. 

Quel giorno fu fatto esplodere un furgone carico di tritolo nel parcheggio seminterrato dell’edificio ospitante gli uffici dell’Associazione. L’esplosione causò ottantacinque vittime e oltre duecento feriti.

«A venti anni dalla tragedia dell’Amia — dice Papa Francesco — desidero esprimere la mia vicinanza alla comunità israelita argentina e a tutti i familiari delle vittime, sia ebree sia cristiane». Quindi ricordando le tante «vite stroncate, le speranze distrutte, le rovine» provocate dal vile attentato, il Pontefice esorta gli argentini a riflettere sui pianti provocati da quella tragedia e a non dimenticare, perché «siamo molto inclini ad archiviare le cose — spiega nel video — a non farci carico delle storie, delle sofferenze, delle cose che potevano essere belle e non lo sono state». Per questo, aggiunge, «ci costa tanto intraprendere la strada della giustizia, per affrontare i danni» che tale tragedia ha inflitto alla società.

«Si faccia giustizia» è il suo appello conclusivo prima di pregare in suffragio delle vittime e di benedire le loro famiglie.

Il videomessaggio è stato registrato con un telefono cellulare da Claudio Epelman, direttore del Congresso ebraico latinoamericano — il quale nei giorni scorsi aveva reso visita a Papa Francesco — e poi diffuso attraverso tutti i social network.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

24 luglio 2019

NOTIZIE CORRELATE