Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Il sogno di Dio

· Messaggio della Cei in preparazione alla giornata nazionale per la vita ·

«Chiunque si pone al servizio della persona umana realizza il sogno di Dio»: è quanto ricordano i vescovi italiani, che hanno diffuso oggi il messaggio per la 38ª giornata nazionale per la vita, che si celebra il 7 febbraio 2016. «La misericordia fa fiorire la vita» è il titolo del documento, firmato dal Consiglio permanente della Conferenza episcopale italiana. 

Contagiare di misericordia, vi si legge, «significa aiutare la nostra società a guarire da tutti gli attentati alla vita. L’elenco è impressionante: “È attentato alla vita — scrivono i vescovi citando il discorso del Pontefice ai partecipanti all’incontro promosso dall’Associazione Scienza e Vita il 30 maggio 2015 — la piaga dell’aborto. È attentato alla vita lasciar morire i nostri fratelli sui barconi nel canale di Sicilia. È attentato alla vita la morte sul lavoro perché non si rispettano le minime condizioni di sicurezza. È attentato alla vita la morte per denutrizione. È attentato alla vita il terrorismo, la guerra, la violenza; ma anche l’eutanasia. Amare la vita è sempre prendersi cura dell’altro, volere il suo bene, coltivare e rispettare la sua dignità trascendente”». La misericordia, ricordano ancora i presuli, «farà fiorire la vita: quella dei migranti respinti sui barconi o ai confini dell’Europa, la vita dei bimbi costretti a fare i soldati, la vita delle persone anziane escluse dal focolare domestico e abbandonate negli ospizi, la vita di chi viene sfruttato da padroni senza scrupoli, la vita di chi non vede riconosciuto il suo diritto a nascere», perché, come ha detto ancora Francesco a Santa Marta il 16 marzo scorso, «Siamo noi il sogno di Dio che, da vero innamorato, vuole cambiare la nostra vita».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 novembre 2018

NOTIZIE CORRELATE