Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Il sangue dei cristiani

· Quindici assassinati dai miliziani dell’Is in Siria ·

Devastato il museo di Mosul

Sempre più drammatica la situazione in Siria. I miliziani del cosiddetto Stato islamico (Is) hanno ucciso quindici cristiani in Siria, nel governatorato di Hassake, al confine nord-orientale con l’Iraq. Le vittime provenivano dai villaggi dai quali erano stati rapiti nei giorni scorsi almeno 250 cristiani. 

Preghiere a Beirut per i cristiani rapiti in Siria (Afp)

A diffondere la notizia, ieri, è stato l’archimandrita Emanuel Youkhana, lo stesso che lunedì scorso riferì del rapimento, confermato poi da fonti dell’opposizione siriana. Nel villaggio di Tel Hormidz una donna è stata decapitata, mentre due uomini sono stati uccisi con colpi di arma da fuoco. Per ora — riferiscono i media — non ci sono informazioni circa le modalità delle esecuzioni delle altre dodici vittime. Youkhana ha riferito anche che i rapiti sarebbero 350, e non 250 come si pensava inizialmente. Andrebbero infatti aggiunti ottanta abitanti del villaggio di Tel Jazira, 21 di Tel Gouran, cinque di Tel Feytha e tre di Qabir Shamiya. Quasi tutti sono tenuti in ostaggio nel villaggio sunnita di Um Al-Masamier. ei 35 villaggi cristiani non è rimasto più nessuno: coloro che sono riusciti a scappare lo hanno fatto verso la regione di Hassake o verso Qamishli: «Le famiglie sfollate — ha detto Youkhana — sono ottocento ad Hassake e 175 a Qamishli». La ferocia dell’Is, tuttavia, non attacca soltanto le persone. Un filmato diffuso ieri mostra i miliziani intenti a distruggere antiche opere d’arte nel museo della civiltà di Mosul, nel nord dell’Iraq, e nel sito archeologico dell’antica Ninive. E intanto, sempre ieri, è stata svelata l’identità di uno dei boia dell’Is, autore di almeno quattro decapitazioni di ostaggi occidentali: si chiama Mohamed Emwazi, nato in Kuwait ma cresciuto a Londra, con una laurea in informatica. Era volato in Siria tra il 2012 e il 2013.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

10 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE