Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Il Rwanda accoglie
profughi dalla Libia

· Accordo tra Unhcr, Unione africana e governo di Kigali ·

L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr), il governo rwandese e l’Unione africana (Ua) hanno firmato ieri un memorandum d’intesa per istituire un meccanismo di transito che consenta di evacuare i rifugiati che si trovano attualmente nei centri di detenzione in Libia. L’accordo prevede che il governo di Kigali accolga e protegga i richiedenti asilo che si trovano nei centri di detenzione. Verrà evacuato un primo gruppo di 500 persone, provenienti prevalentemente dal Corno d’Africa, tra cui vi sono anche bambini e adolescenti a rischio. Di questi alcuni potrebbero beneficiare del reinsediamento in località terze, altri riceveranno assistenza per tornare nei paesi dove hanno precedentemente ricevuto asilo, oppure per rientrare nel proprio paese qualora le condizioni di sicurezza lo permettano. Alcuni poi potrebbero rimanere in Rwanda.

L’Unione africana fornirà assistenza per le operazioni di transito e supporto politico strategico comprensivo di formazione e coordinamento. L’Unhcr fornirà i servizi di protezione e l’assistenza umanitaria necessaria, compresi cibo, acqua, alloggi, istruzione e cure mediche.

Da mesi Tripoli è bersaglio delle violenze scoppiate in Libia e da tempo l’Unhcr ha rivolto appelli alla comunità internazionale affinché si trovassero soluzioni alternative per i rifugiati in stato di detenzione bloccati in Libia. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE