Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Il ruolo vitale della scuola per le future generazioni

· Intervento della Santa Sede a Brdo, in Slovenia ·

Pubblichiamo l'intervento pronunciato il 4 giugno a Brdo, in Slovenia, dall'arcivescovo Jean-Louis Bruguès, segretario della Congregazione per l'Educazione Cattolica, Capo Delegazione della Santa Sede alla 23ª Conferenza dei ministri dell'Educazione del Consiglio d'Europa.

Signor Presidente,

vorrei innanzitutto esprimere il ringraziamento della Delegazione della Santa Sede e mio personale alle autorità slovene che ospitano questa Conferenza dei ministri per il loro impegno organizzativo e per la cortesia con la quale ci hanno accolti, in una nazione, che è nel cuore dell'Europa, luogo di incontro tra le anime slava, latina e tedesca del nostro continente.

La Santa Sede ha seguito con interesse la preparazione di questa 23 Sessione della Conferenza dei ministri dell'Educazione Europei. Inoltre, ha preso nota (...) dei progetti promossi dal Comitato dell'Educazione del Consiglio d'Europa, rilevando come essi si sforzino di contribuire attraverso l'educazione e la scuola alla costruzione di un'Europa più solidale e democratica. In quest'orizzonte, anche attraverso il programma di formazione continua degli insegnanti Pestalozzi, il Consiglio d'Europa non ha mancato di dare un contributo importante e significativo.

Per costruire una società democratica stabile e coesa, fondata sul primato del diritto, l'educazione riveste un ruolo fondamentale e la scuola, come luogo di socializzazione viene sempre più coinvolta in tale sfida.

La Santa Sede attribuisce all'istituzione scolastica un'importanza vitale per il futuro delle nuove generazioni. La scuola, intesa come comunità educativa, è spazio privilegiato di apprendimento di relazioni sane, oltre che di nozioni e competenze. Essa, inoltre, seguendo il principio di sussidiarietà, amplia l'azione di inserimento sociale iniziata dalla famiglia. Sono i genitori, infatti, i primi educatori dei figli e tale ruolo deve essere rispettato anche dalla scuola.

Nella comunità scolastica hanno un ruolo essenziale gli insegnanti. La Santa Sede nutre non solo rispetto e ammirazione per l'insegnante ma lo considera come depositario di una specifica vocazione e missione. Infatti, l'educatore, il maestro, l'insegnante sono chiamati, collaborando con i genitori nello svolgimento del loro compito, a servire la vita, il futuro. È davvero grande la missione dell'insegnante: essa ha un altissimo spessore morale, è tra le più alte e creative dell'uomo. Pertanto, è auspicabile che ogni insegnante acquisti la massima coscienza dell'importanza, ricchezza e responsabilità del suo compito e si sforzi di rispondere a quanto esso esige attraverso una adeguata formazione professionale, sia iniziale che permanente, con la consapevolezza che il suo servizio è fondamentale per la costruzione e il costante rinnovamento della società. D'altro canto è necessario che anche la società riconosca e apprezzi tale servizio, lo consideri indispensabile per il bene comune e di conseguenza le pubbliche autorità promuovano e sostengano con adeguate politiche la missione degli insegnanti.

L'educazione scolastica, tanto più quando mira a formare ai valori, al rispetto della dignità dell'uomo e alla responsabilità verso la società, non può essere opera del singolo. Essa si sviluppa in vari percorsi didattici, diverse discipline, rapporto con il territorio ed è frutto della collaborazione dell'intera comunità educativa, aperta ai partenariati con la società civile. In tale contesto il dialogo diviene strumento importantissimo per il conseguimento degli obbiettivi didattici e pedagogici, che portano lo studente a scoprire nell'altro un «tu» da amare e rispettare, mai da dominare o da asservire, che lo predispongono a essere nella società democratica parte attiva e responsabile.

Signor Presidente,

Il servizio che gli insegnanti sono chiamati a svolgere per una società democratica stabile, rispettosa della persona umana nella sua globalità, non esclusa la dimensione religiosa, richiede politiche efficaci che portino a un rafforzamento del ruolo sociale e del prestigio della professione docente. Da parte sua la Santa Sede nelle sue istituzioni continuerà a sostenere la formazione continua e permanente degli insegnanti e a motivarne le scelte. Tale impegno nasce dalla consapevolezza espressa nella dichiarazione Gravissimum educationis che: «Tutti gli uomini di qualunque razza, condizione ed età, in forza della loro dignità di persona, hanno il diritto inalienabile a una educazione che risponda al proprio fine, convenga alla propria indole, alla differenza di sesso, alla cultura e alle tradizioni del loro Paese, e insieme aperta a una fraterna convivenza con gli altri popoli al fine di garantire la vera unità e la vera pace sulla terra» ( Gravissimum educationis , 1).

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 luglio 2019

NOTIZIE CORRELATE