Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Il riscaldamento minaccia i ghiacciai del Montana

Negli Stati Uniti anche il Parco nazionale dei ghiacciai in Montana sta facendo le spese del riscaldamento globale. In mezzo secolo, la grandezza dei 39 ghiacciai rimasti si è «drammaticamente ridotta», in alcuni casi anche dell’85 per cento. A lanciare l’allarme è uno studio congiunto della U.S. Geological survey e dell’Università di Portland.

In media, precisano i ricercatori, i ghiacciai si sono ridotti del 39 per cento e oggi solo 26 hanno una superficie superiore ai 10 ettari, che è il parametro oltre il quale una formazione viene considerata propriamente un «ghiacciaio». All’inizio dello scorso secolo, i ghiacciai erano 150. Si tratta di una perdita significativa per il Montana, visto che proprio queste formazioni attraggono ogni anno quasi tre milioni di visitatori.

Intanto, il segretario di stato degli Stati Uniti, Rex Tillerson, in un intervento a Fairbanks, in Alaska, ha dichiarato che la Casa Bianca non sarà precipitosa nel prendere decisioni circa le sue politiche sul clima. Eventuali decisioni saranno comunque comunicate dopo il G7 di fine maggio in Italia.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 aprile 2019

NOTIZIE CORRELATE