Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Il ragazzo che divenne Augusto

· La lezione di Ottaviano nel bimillenario della morte ·

Al termine della sua monografia dedicata ad Augusto, Werner Eck si chiede: chi è stato in grado di fare altrettanto nella storia dell’umanità? "La risposta non lascia spazio a dubbi: nessuno.

Busto di Ottaviano giovane (I secolo, Aquileia, Museo archeologico nazionale)

Per questo Augusto – scrive Giuseppe Zecchini – ci ammonisce oggi più che mai: gli imperi, che si costruiscono quasi sempre anche attraverso le guerre e le violenze, tendono poi, per conservarsi, a conservare la pace e il diritto e sono un efficace, forse insostituibile rimedio alla frammentazione, al riesplodere di antichi odi, all’homo homini lupus".

Giulia Galeotti ci racconta invece Augustus, il romanzo storico che lo scrittore statunitense John Edward Williams dedicò a Ottaviano. "È un dedalo di vicoli e di incroci, la vicenda politica e umana di Ottaviano, un dedalo di volontà e casualità che ha portato alla storia di Roma così come la conosciamo noi. Pagina dopo pagina, il lettore si avvicina per cerchi concentrici a Ottaviano, man mano che il giovane cresciuto nel mondo rurale di Velletri, tra pedagoghi, libri e filosofia, lascia il campo allo statista determinato e razionale, in grado di tessere gli eventi a suo favore. Presente in ogni riga, descritto e giudicato, l’imperatore è sotto gli occhi di tutti, eppure qualcosa sfugge: l’uomo è lì, ma l’aura di mistero del personaggio storico resta".

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE