Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Il primo voto euroguidato

· In Irlanda il referendum sul fiscal compact ·

L'Irlanda va alle urne per votare sul patto di bilancio europeo, quel fiscal compact fortemente voluto dall'Europa targata Merkel. Non è un test vincolante: per l'entrata in vigore del trattato servono le ratifiche di dodici Paesi su venticinque firmatari. È però un passaggio dall'alto valore simbolico: l'Irlanda ha già detto no all'Europa nel 2001 e nel 2008, ma adesso la situazione è del tutto diversa. Dublino si trova in una crisi profondissima; dal 2010 dipende da un piano di aiuti internazionale da 67,5 miliardi. Una cosa è certa: se non ratificherà il trattato, il Paese non accederà a nuove risorse. Che lo si voglia o meno, quello irlandese è il primo voto euroguidato in oltre sessant'anni di storia d'integrazione.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE