Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Il primato della persona

· ​Sulla filosofia di John Henry Newman ·

John Henry Newman (1801-1890), beatificato da Benedetto XVI nel 2010 e spesso citato da Papa Francesco, è conosciuto come illustre teologo, predicatore, educatore e scrittore. Come filosofo, invece, è generalmente sottostimato. Il suo pensiero al riguardo non fu accolto nel suo tempo a causa della sua opposizione al liberalismo religioso e della sua conversione al cattolicesimo. In realtà, la sua filosofia, attingendo alla tradizione empiristica inglese (David Hume, John Locke), è però originale e ricca di intuizioni nuove, comprese solo nel secolo successivo. 

Vetrata raffigurante Newman (cappella saint John Paul II nel Mundelein Seminary, Chicago )

Il nuovo libro di Michele Marchetto, John Henry Newman. Identità, alterità, persona (Roma, Carocci, 2016, pagine 103, euro 12), mira a presentare la filosofia del pensatore inglese «come una “filosofia della persona” e, attraverso di essa affrontare una delle questioni antropologiche di fondo della contemporaneità, ossia la dissoluzione dell’io e delle sue istanze di unità» (Introduzione). Newman viveva e pensava da cristiano in un mondo sempre meno cristiano e prevedeva le conseguenze del relativismo, per cui la verità non esiste, ma solo la mia e la tua verità, un modo di pensiero che conduce al nichilismo (il vuoto di valori, Nietzsche), al narcisismo (l’individualismo dell’autorealizzazione, Taylor) e, infine, alla dissoluzione della persona (il vuoto dell’uomo scomparso, Foucault). Per affrontare le sfide del suo tempo, Newman parte dall’idea centrale di persona. Il suo pensiero al riguardo si rivela sorprendente precursore della fenomenologia e dell’ermeneutica filosofica. Ciò che lo allontanava dal suo tempo è paradossalmente ciò che lo avvicina a chi interpreta il nostro tempo, in particolare a pensatori come Edmund Husserl, Edith Stein, Paul Ricœur e Hans-Georg Gadamer.
Il volume di Marchetto invita il lettore a un percorso filosofico arricchente e affascinante.

di Hermann Geissler

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

13 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE