Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Il presidente
brasiliano Temer
accusato
di corruzione

Il presidente brasiliano Michel Temer è stato formalmente accusato di corruzione dalla procura generale della Repubblica sulla base delle denunce fatte dall’imprenditore Joesley Batista.

Il procuratore generale, Rodrigo Janot, nel documento presentato ieri al supremo tribunale federale, cita la registrazione di una conversazione tra Temer e Batista, ex presidente della più grande industria della carne in Brasile, la Jbs, nella quale i due discuterebbero di tangenti per eludere controlli e tasse e per agevolare finanziamenti da parte di banche pubbliche.

Secondo l’accusa, Temer avrebbe ricevuto tangenti per 38 milioni di real brasiliani, pari a circa 11,5 milioni di dollari, nei nove mesi successivi al colloquio. Il parlamento brasiliano dovrà ora decidere se dare o meno il via libera al giudizio per Temer. Poco più di un anno fa, quest’ultimo sostituì l’ex presidente Dilma Rousseff rimossa per impeachment. È la prima volta nella storia del Brasile che un presidente deve fronteggiare accuse criminali mentre è ancora in carica. I partiti di opposizione hanno subito reclamato l’incriminazione di Temer per impeachment.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE