Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Il piccolo giudice

«Aprite le porte alla giustizia» sono le parole che in questo anno della misericordia abbiamo ascoltato da Papa Francesco nell’atto di aprire le porte sante. E le abbiamo riconosciute, le riconosciamo come un invito paterno e necessario, rivolto a un mondo che ha un bisogno vitale di essere sollecitato e risvegliato.

Leonardo Sciascia

Le porte aperte alla giustizia sono l’esatto contrario di quelle aperte all’ingiustizia, alla sopraffazione, agli abusi di ogni tipo di potere: quello dell’economia dominante, della politica soggiacente, della malavita dilagante. Porte, nonostante l’apparenza, colpevolmente chiuse.

Visto in una prospettiva laica, tutto questo intreccio — sintesi comparata di ciò che è il bene nei confronti del male — ci ricorda il romanzo di Leonardo Sciascia che si intitola appunto Porte aperte (Adelphi, 1987), dove un «piccolo giudice», nel marasma della corruzione che lo circonda, ha un’idea precisa di che cosa sia la giustizia. E se ne fa interprete concorrendo direttamente affinché in un processo da false porte aperte (e quindi chiuse) non prevalgano la morte e l’abuso dell’uomo sull’uomo.

«Di quelle porte chiuse si accorgevano — scrive Sciascia — se non quando qualcosa accadeva sotto i loro occhi, qualcosa di grave, di tragico», mentre invece «dalle porte veramente aperte scioltamente si entrava e si usciva, perché in nome del diritto». Il diritto dell’illuminista, espresso sulle orme di un Manzoni profondamente amato, e la giustizia invocata dal Papa: due concetti che si fondono per esprimere il senso di parole che «rispondono all’anima».

Durante i funerali nel duomo di Racalmuto, il vescovo di Agrigento, monsignor Carmelo Ferraro, non mancò di esaltare i gesti e i segni di un esemplare, anche se taciuto, impegno da cristiano da parte dello scrittore siciliano.

di Melo Freni

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

24 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE