Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Il parroco martire

· In Croazia la beatificazione di Miroslav Bulešić, ucciso nel 1947 ·

Martirizzato con crudeltà solo per aver svolto il ministero sacerdotale. È  il giovane parroco Miroslav Bulešić (1920-1947), che il cardinale Angelo Amato, prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, in rappresentanza di Papa Francesco, beatifica, sabato 28 settembre, a Pula in Croazia.

Figlio di Miho (Michele) e Lucija, Miroslav Bulešić nacque nel paesino istriano di Čabrunići (Zabroni), nella parrocchia di Svetvinčenat (Sanvincenti), il 13 maggio 1920. Frequentò la scuola elementare a Juršići (1926–1930), dove il suo insegnante di religione (catechista) fu il zelante sacerdote Ivan Pavić. Dopo la maturità Bulešić decise di proseguire gli studi di filosofia e teologia e di prepararsi per il sacerdozio. Come parroco cercò di conoscere di persona i parrocchiani per portarli alla santa messa domenicale. Tale sua attività era attentamente osservata dai nemici della Chiesa nelle fila dei partigiani. Non gradivano affatto che il parroco avesse più influenza di loro sui propri parrocchiani.

Dal 19 agosto 1947 a don Miroslav Bulešić venne affidato il compito di amministrare le cresime a Pazin. I responsabili del seminario non sapevano nulla dei disordini e delle aggressioni progettate dai comunisti. All’inizio, nei dintorni di Pazin, la cresima fu distribuita senza difficoltà, ma ben presto vi furono blocchi delle strade e dei cresimanti, affinché non raggiungessero le singole parrocchie. I militanti comunisti assalivano i sacerdoti e i bambini e li deridevano pubblicamente. In questo clima Bulešić giunse a Lanišće il 23 agosto del 1947 e qui passò la notte con l’intenzione di amministrare la cresima il giorno successivo. Quando arrivò nella casa parrocchiale con l’inviato del vescovo di Trieste cresimò altri sette ragazzi e ragazze che a causa dei disturbi e dei blocchi delle strade non erano riusciti ad arrivare in tempo in chiesa. Poco dopo fece irruzione nella casa un gruppo di comunisti, che si scagliarono soprattutto e con più violenza sul giovane don Miroslav, colpendolo senza pietà, ovunque potessero. Alcuni testimoni guardavano impotenti dal di fuori quello che stava succedendo. Don Miroslav era ricoperto di sangue. Per due volte lo hanno sentito esclamare: «Gesù, accogli la mia anima». Poi il suo assassino gli tagliò la gola con un coltello. Il sangue del martire ricoprì le pareti e il pavimento. Erano circa le 11.00 del 24 agosto 1947.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE