Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Il giorno del lutto

· Papa Francesco partecipa nella preghiera al dolore dell’Italia per le vittime del terremoto ·

Il presidente Mattarella ai funerali dopo la visita ai lughi del disastro

Papa Francesco «si è fatto presente con la preghiera in questa giornata di lutto nazionale». È quanto ha sottolineato il cardinale segretario di Stato, Pietro Parolin, nel giorno in cui si sono svolti i funerali per le vittime marchigiane del devastante sisma che ha colpito l'Italia centrale. Accanto ai familiari il capo dello Stato, Sergio Mattarella, i presidenti del Senato e della Camera, rispettivamente Pietro Grasso e Laura Boldrini, e il presidente del Consiglio dei ministri, Matteo Renzi.

I parenti delle vittime del terremoto si tengono per mano durante i funerali (Ap)

I tricolori e le bandiere dell’Europa esposti sugli edifici pubblici sono rimasti a mezz'asta su tutto il territorio italiano.

«Dopo il pianto e la solidarietà, è il momento della speranza e della vita che sconfigge la morte». Sono parole del vescovo di Ascoli Piceno, monsignor Giovanni D'Ercole, il quale all’omelia ha ricordato che «il terremoto può distruggere tutto ma non la sorgente della speranza, per chi trova la forza di guardare verso l'Alto». Ha concelebrato il vescovo di Rieti, monsignor Domenico Pompili, che martedì prossimo nel pomeriggio — e non mercoledì come precedentemente annunciato — presiederà la cerimonia religiosa per le vittime nel Lazio. E ha concelebrato l'arcivescovo dell'Aquila, Giuseppe Petrocchi, originario del capoluogo marchigiano.

La cerimonia, durante la quale sono stati ricordati i nomi delle vittime, si è svolta nella palestra del centro sportivo del capoluogo delle Marche. Nella sala era appeso il crocifisso recuperato da una delle chiese, tutte distrutte.  

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE