Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Il Papa e l’Italia

Benedetto XVI, vescovo di Roma e primate d’Italia, ha voluto pregare con tutti i vescovi del Paese — recitando il rosario nella più antica basilica mariana d’occidente — e parlare all’intero popolo italiano. Per sottolineare ancora una volta la reale partecipazione della Santa Sede al centocinquantesimo anniversario dell’unità politica di quella Nazione la cui storia è legata a quella della Chiesa di Roma in modo specialissimo.

Una partecipazione che è innanzi tutto vicinanza profonda. Di questa i media hanno colto in prevalenza gli aspetti sociali e politici, ma invece essa è soprattutto la testimonianza della presenza della Chiesa quale elemento costitutivo dell’unità profonda del Paese, un’unità ben anteriore a quella politica. Come mostrano la storia del papato e il contributo dei cattolici all’identità e all’unificazione reale della Nazione.

Si pensi soltanto, in anni recenti, al legame annesso da Giovanni Paolo II al santuario, anch’esso mariano e così profondamente italiano, di Loreto. Ma si pensi anche alla drammatica partecipazione di Paolo VI alla tragedia che portò all’uccisione, vile e devastante anche nelle sue conseguenze politiche, di Aldo Moro. Si pensi infine al fondamentale apporto all’Italia dei cattolici: dagli esponenti politici più autorevoli ai laici impegnati nelle più diverse realtà, dalle suore educatrici ai tantissimi sacerdoti, non di rado figure eroiche e sante che hanno fatto il Paese. Sì, davvero ha ragione il Papa quando ripete che l’Italia, politicamente unita da un secolo e mezzo, «può essere orgogliosa della presenza e dell’azione della Chiesa».

Tutto questo è sullo sfondo del discorso papale. Con il suo appello alle forze politiche a «rinsaldare il vincolo nazionale e superare ogni pregiudiziale contrapposizione», con uno sguardo fiducioso al futuro: perché i laici cattolici partecipino alla vita pubblica, perché il Paese respiri unito da nord a sud, perché la Chiesa collabori con lo Stato. Nel rispetto della «legittima laicità dello Stato», e al tempo stesso attenta a sostenere i diritti dell’uomo: soprattutto a tutela della persona umana, in tutte le fasi della vita, e della famiglia, il nucleo così trascurato, e pure così fondamentale, della società.

Nella convinzione ragionevole che la fede «non è alienazione». Proprio per questo Benedetto XVI ha voluto dire il rosario con i vescovi italiani e in comunione con tutte le comunità cattoliche del Paese. Per «fare spazio a Dio» come ha fatto Maria, immagine di ogni credente e della Chiesa.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE