Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Il Papa del catechismo

· Pio X ricordato a Riese dal cardinale prefetto della Congregazione per il clero ·

La casa  paterna di Giuseppe Melchiorre Sarto  a Riese  (foto: Leonard Von Matt) Sulla facciata si nota   la lapide commemorativa posta dal comune nel 1903 all’elezione di Pio X

Giuseppe Melchiorre Sarto “si è fatto santo non facendo delle cose straordinarie, ma lasciandosi forgiare nella mente e nel cuore dall’amore del Signore”. Lo ha ricordato il cardinale Beniamino Stella, prefetto della Congregazione per il clero, presiedendo lunedì 21 agosto le celebrazioni per la festa liturgica di Papa Pio X nel suo paese natale, Riese. “Già da bambino – ha detto tra l'altro all'omelia rievocando gli anni dell'infanzia del Pontefice veneto – imparò a “rispondere” alla messa e partecipava con attenzione e vivacità al catechismo. In quel momento, egli non poteva immaginare che il Signore ne avrebbe fatto un grande pastore della Chiesa universale, affidandogli anche il compito di annunciare la fede cristiana proprio attraverso un catechismo”. La presenza del porporato è stata, per la comunità riesina, anche l'occasione per ricevere un dono del tutto particolare da Papa Francesco. Si tratta di alcuni oggetti appartenuti a Giuseppe Melchiorre Sarto, che ora saranno esposti dietro l’altare maggiore della chiesa dove venne battezzato e dove celebrò la sua prima messa: tre lettere autografe inviate al fratello Angelo, un set di posate usate quand’era cardinale, vari capi di biancheria, una foto autografa e una foto del fratello a lui appartenuta. 

di Beniamino Stella

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 gennaio 2020

NOTIZIE CORRELATE